BARBARA ERAMO QUARTET

10 NOVEMBRE 2021

BARBARA ERAMO QUARTET ``EMISFERI``

BARBARA ERAMO – voce, ukulele, santur, elettronics
ANDREA D’APOLITO – chitarra, harmonium, pianoforte e cori
MARTINA BERTINI – basso , elettronics
FILIPPO SCHININÀ – batteria

Lontana dalle logiche da vetta della classifica (sia la chart musicale o il tranding topic social del momento), la vita artistica della cantante ed autrice tarantina Barbara Eramo si esprime attraverso la scelta di cantare in italiano ma anche in altre lingue esistenti e non, sia in termini lessicali che musicali. L’arte dell’incontro è la matrice del DNA del suo nuovo album “Emisferi”.
In questo nuovo progetto coabitano l’indole cantautorale italiana dell’artista così come sottili incursioni verso l’avanguardia scandinava da lei tanto amata e la cultura mediterranea e del medio oriente suggerita dagli ascolti di cantanti arabe come Oum Kalthoum e Fairouz. Le suggestioni sono cinematografiche grazie all’importante presenza degli archi negli arrangiamenti del disco, del resto la biografia di Barbara parla chiaro – collaborazioni con la musica world nella Piccola Banda Ikona di Stefano Saletti, le colonne sonore di Luis Bacalov, Nicola Piovani, Alexandre Despalt; l’elettronica ricercata di Hector Zazou… troverete però anche uno spirito pop e world figlio delle esperienze di vita errante dell’artista.
Il mondo è e rimarrà piccolo per gli stanziali; è e sarà sempre più vasto per gli spiriti nomadi. Barbara Eramo è una esploratrice di culture e suoni, lingue e tradizioni. Per lei il viaggio è anche uno status mentale: predispone l’anima alla contaminazione, all’attrazione per il diverso. È per natura lenitivo in relazione ai mali invisibili di oggi, perché disintossica i nostri pensieri dalla dipendenza per la notorietà, la fama, il clamore ad ogni costo. Lo spazio musicale di Barbara è sintesi tra il gusto per l’improvvisazione musicale e la ricerca di nuovi stimoli e anche per questo “Emisferi”, ha avuto una gestazione lunga, come richiede la genesi di una vita che sboccia. Non può esserci fretta nella creazione, così come nella sua condivisione. Ma perché la connessione tra le note della Eramo e le orecchie che le percepiranno sia genuina, è importante la predisposizione all’ascolto. Dimenticate le suddivisioni di generi, non chiedetevi se troverete musica o canzoni sul vostro percorso: sarà l’una e l’altra cosa allo stesso tempo. La sperimentazione che nasce dall’incontro, l’esplorazione del mondo per rivelare l’intimità: le canzoni scoccano come scintilla tra queste due pietre focaie. Lasciatevi scaldare.

ore 21.00